#leggodigitale, i risultati della nostra campagna

Siete stati tantissimi. Anche nella settimana successiva alla chiusura del Salone del Libro di Torino, dove Informant era presente per la prima volta all’interno dello stand #ebookcafe (qui, qui e qui il resoconto delle nostre giornate al Lingotto) avete continuato a twittare utilizzando l’hashtag #leggodigitale. Pensieri, parole, foto di ogni tipo, ma quasi tutti in linea con l’obiettivo che ci eravamo prefissati per il nostro contest: raccontare come l’ebook non sia un prodotto a se stante, ma solo un nuovo vestito (più utile, versatile, comodo ed economico) da cucire addosso ad antiche o più recenti passioni. Come in questo caso:

Image

La palma del vincitore, proprio per i motivi i cui sopra, abbiamo deciso di assegnarla a uno degli ultimi tweet giunti la settimana scorsa quello della nostra follower Valentina che con uno scatto efficace è riuscita – a nostro giudizio – a unire al meglio queste due caratteristiche, spiegandoci perché il libro digitale può essere un’ottima soluzione per recuperare anche la lettura dei grandi classici:

Image

Valentina si è aggiudicata cinque download gratuiti dal catalogo Informant e presto ci farà conoscere le sue scelte e, speriamo, le sue sensazioni successive alla lettura dei nostri libri. Durante le giornate del Salone altri followers erano stati premiati con un ebook a testa:

Image

Image

Image

 

Image

Ma, come raccontavamo, sono stati moltissimi i tweet che ci hanno colpito. Nel riproporvi una selezione dei più originali, vi ringraziamo ancora per l’attenzione che continuate a riservarci e vi diamo appuntamento alla nostra prossima campagna, che arriverà prestissimo!

Image

Image

Image

Image

ImageImageImage

 

#leggodigitale, fateci sentire le vostre voci

LeggoDigitale

Vi abbiamo già raccontato che saremo a Torino, invitato a passare a trovarci allo stand #ebookcafe e ricordato gli appuntamenti ai quali parteciperemo. Oggi lanciamo una piccola campagna che inizierà proprio con il Salone del libro per concludersi la settimana successiva.

Posto che per noi la competizione tra ebook e libro cartaceo non è una cosa di cui abbia troppo senso parlare (un libro è un libro, indipendentemente dal formato in cui lo si veicola) vogliamo rivolgerci a voi, per capire come, quando, cosa, dove, perché vi piace leggere libri in formato elettronico. Per questo vi chiediamo di twittare, utilizzando l’hashtag #leggodigitale, le vostre foto, i vostri pensieri, le vostre motivazioni sul tema.

Al termine di ogni giornata, durante il Salone, selezioneremo il miglior tweet il cui autore si aggiudicherà un ebook Informant. Il contest continuerà per tutta la settimana successiva. A partire da domenica 18 maggio costruiremo uno storify sulla campagna e premieremo il tweet più originale in assoluto con cinque download gratuiti dal nostro catalogo.

Seguiteci sui nostri profili Twitter e Facebook per gli aggiornamenti dal Salone con hashtag #SalTo14 e #ebookcafe. E nel frattempo twittate il vostro #leggodigitale e magari «chiocciolateci» pure… Vi aspettiamo!

Salone del Libro di Torino, la nostra prima volta

Immagine

Ci siamo quasi. Per la prima volta quest’anno Informant sarà presente al Salone del Libro di Torino, uno degli eventi più importanti dell’anno. Sbarcheremo in Piemonte subito dopo il Festival del Giornalismo di Perugia, altro appuntamento clou della stagione per chi si occupa di nuove forme di narrazione, e del quale vi racconteremo in un prossimo post.

A Torino saremo presenti all’interno dell’area di Book to the future, nel settore digitale del Salone. Stand K151, molto vicino alla sala convegni, ma in zona abbastanza tranquilla. Sarà facile trovarci. E di motivi per venirci a trovare, quest’anno, ce ne saranno parecchi.

Intanto, perché presso il nostro stand, ben evidenziato dall’insegna #ebookcafé, saranno a disposizione sedie e tavolini, dove fermarsi a leggere nel bailamme della fiera. Se non avete un tablet o un e-reader, non preoccupatevi: grazie a una collaborazione con Artatech, saranno a disposizione di tutti diversi devices Onyx di ultima generazione, con al loro interno i testi da sfogliare per decidere se acquistarli, proprio come accade con i libri cartacei. Per chi verrà a trovarci abbiamo messo a punto anche un’offerta speciale legata ai nostri titoli e una piccola tweetcampagna che metterà in palio download gratuiti, sulla quale non vi anticipiamo nulla.

Al nostro stand, però, non troverete solo gli ebook targati Informant. Assieme a noi, ci saranno Quintadicopertina e Asterisk Edizioni, anche loro con i loro ebook freschi di digitalizzazione che spaziano dalla narrativa alla saggistica. Ci sarà anche uno spazio per gli ebook gratuiti e l’offerta informativa di AISM, Associazione Italiana Sclerosi Multipla, che da anni fa informazione e propone servizi utili per le persone con sclerosi multipla attraverso pubblicazioni cartacee e digitali. E infine avremo come coinquilini gli amici di Quotidiano Piemontese, grazie a cui riusciremo a creare una comunicazione che oltrepassi la dimensione fisica del salone e vada in rete, aggiornandovi tempestivamente su tutto quanto sta accadendo.

E a fine giornata, se lo vorrete, non mancheremo di offrirvi un buon bicchiere di vino. Rigorosamente made in Piemonte.

Oltre a passare a trovarci allo stand K151, abbiamo co-organizzato una serie di incontri dove potrete confrontarvi anche con i nostri autori e collaboratori. Eccoli:

Giovedì 8 maggio ore 11 – Se Maria Montessori avesse insegnato in cloud  [a cura di Quintadicopertina e Asterisk]

Intervengono: Francesco Langella e Stefania Fabri

Coordina: Fabrizio Venerandi

Giovedì 8 maggio ore 19 – Il giornalismo d’inchiesta dall’ebook allo spettacolo teatrale [a cura di Quotidiano Piemontese, Quintadicopertina, Asterisk e Informant]

Intervengono: Maurizio Pagliassotti e Paolo Piacenza

Coordina: Vittorio Pasteris

Sabato 10 maggio ore 17 –  Se Montanelli avesse avuto un tablet [a cura di Informant, Asterisk, Quintadicopertina e Quotidiano Piemontese]

Intervengono: Antonella Appiano, Gianluca Ferraris, Andrea Paracchini, Vittorio Pasteris, Filippo Pretolani, Antonio Talia

Coordina: Annarita Briganti

Domenica 11 maggio ore 14 – Se Marco Polo avesse avuto un blog [a cura di Asterisk edizioni, Quintadicopertina, Quotodiano Piemontese e Informant]

Intervengono: Giovanni Arata, Maria Cecilia Averame, Rodolfo Baggio, Francesca Fiore, Roberta Pesetti

Coordina: Giusi Carai

 

L’hashtag da utilizzare per i nostri appuntamenti, oltre a quello ufficiale #salto14, è #ebookcafe. Continuate a seguirci!

[Informant] Un anno e una promozione al mese

Domani 9 luglio sarà il nostro primo anniversario editoriale! Abbiamo dunque deciso di proporvi alcune novità, partendo proprio dal nostro sito web.

La prima è relativa alla nostra visibilità. Informant ha un anno, inizia a camminare da solo come “content producer” nel bel mezzo della rivoluzione editoriale: in quest’anno abbiamo partecipato alla Fiera del Libro di Torino 2012 e al Festival Internazionale del Giornalismo 2013 e non sono mancate segnalazioni in qualità di soggetto che ha portato in Italia il long-form journalism e il giornalismo narrativo attraverso l’ebook.
Ecco quindi questa fantastica barra relativa agli Eventi e al Dicono di Noi.

Immagine 3

La seconda novità è relativa alla visibilità dei nostri ebook e dei nostri autori/giornalisti. Ecco quindi che la stessa operazione l’abbiamo apportata nelle singole schede ebook per archiviare le fonti che parlano dei titoli pubblicati e degli autori. Il lavoro di recupero delle fonti è in progress…

Immagine 5

L’Ultima novità è il box di promozione nella sidebar. Ogni mese una promozione speciale. A partire da oggi il nostro primo ebook “La donna che morse il cane” compie un anno e quindi sarà in tutti gli store a 0,99 Euro, come anche “Urban Cairo, ebook sulle origini della Primavera Araba e dei movimenti dei writers.

Immagine 4

Colgo l’occasione per ricordarvi che mercoledì 10 Carola Frediani presenterà a Firenze Dentro Anonymous nell’ambito della rassegna Giornalisti Digitali e dintorni organizzata da Associazione Stampa Toscana, LSDI e Di.gi.ti.

Inoltre vi preannunciamo che lunedì 29 un nuovo ebook si aggiungerà il catalogo di Informant: un nuovo titolo sul presente e il futuro del giornalismo scritto dal “deus ex machina” del live blogging…

[Informant] L’edicola del futuro, il futuro delle edicole, il nuovo ebook di Pier Luca Santoro

E’ uscito l’ebook L’edicola del futuro, il futuro delle edicole. Ovvero che fine farà la carta stampata di Pier Luca Santoro.
Un breve ma esaustivo saggio nel quale l’autore, per la rete “il Giornalaio“, ci introduce all’abc della filiera editoriale mostrandoci l’edicola sotto diversi punti di vista. L’ebook riesce a restituirci e farci comprendere i meccanismi di tutta la filiera editoriale-giornalistica: dall’editore passando per il distributore nazione e locale fino alle edicole, una delle reti commerciali al dettaglio di maggior capillarità nel nostro Paese.

copertina

Tra il saggio divulgativo ricco di informazioni e opinioni e proposte incisive dell’autore, verranno analizzati punti sensibili quali il finanziamento ai giornali e l’informatizzazione come strumento per una riforma dell’intera filiera.
L’ebook è arricchito da interviste a diverse personalità nel mondo editoriale, da Paolo Peluffo, Sottosegretario di Stato con delega all’editoria ad Amilcare Digiuni, del sindacato nazionale giornalaio d’italia SINAGI, fino a Sergio Bonelli, Direttore commerciale de “La Stampa” e Massimo Ciarulli, edicolante di Terni.
I giornalai sono i “peones” dell’editoria contemporanea, l’anello debole, ma sono anche, come ci ricorda l’autore, coloro i quali fanno sopravvivere la lettura del quotidiano, “il piacere laico del mattino”.
L’ebook è disponibile in formato epub e mobi a 2,99 euro su Kindle Store, Ibookstore di Apple, BookRepublic, Google Play Store, Kobo Store e tanti altri.

Sebastian Rotella vince l’Urbino Press Award

Il 25 aprile è stata presentata l’edizione 2012 dell’ Urbino Press Award, premio dedicato al giornalismo americano.

Quest’anno il vincitore è stato Sebastian Rotella, giornalista di Pro Publica e autore di “Pakistan and the Mumbai Attacks: The Untold Story“, una delle prime inchieste investigative a essere pubblicata in versione digitale.

La long-form story di Sebastian Rotella è stata pubblicata infatti su Kindle e distribuita attraverso la sezione Kindle Singles di Amazon nel gennaio 2011 ricevendo subito ottimi risultati di vendita. Un esempio positivo sul rapporto ebook e giornalismo tanto da far pensare a ProPublica di rinforzare questa tendenza e collaborare con l’editore Open Road Media.

L’inchiesta investigativa su Mumbai ha rivelato molti segreti dell’americano David Coleman Headley:

In primis l’ambivalenza dell’uomo: informatore della Dea (Drug Enforcemnte Agency) da un lato, reclutatore di terroristi in Pakistan dall’altro. Rotella, autore del film documentario “A Perfect Terrorist” trasmesso da Pbs, svela gli aspetti torbidi della vicenda, quelli ignorati dai grandi network. Secondo il rapporto di ProPublica, “l’Fbi era stata messa in guardia sui legami terroristici di Headley ben tre anni prima degli attentati. Ma non è stato arrestato, se non dopo 11 mesi dall’attacco”.

La cerimonia ufficiale di consegna è prevista per il 23 giugno al Palazzo Ducale di Urbino.

I media legacy alla carica degli ebook

Quest’anno al Salone del Libro ci sono stati diversi momenti dedicati al rapporto tra ebook e giornalismo e nel frattempo sono usciti i primi libri digitali di alcune testate nazionali: mi riferisco in particolare agli instant ebook de La Repubblica e alla collana “i corti” de Il Giornale.

A distanza di qualche settimana La Repubblica ha prodotto tre ebook distribuiti solo su Amazon al prezzo di 0.99 euro, Il Giornale ha invece due ebook in catalogo a 1.99 e 2.99 in formato epub e infine La Stampa/40K Books, già da mesi attivo sul fronte degli ebook con una strategia distributiva molto più completa, ha fatto uscire il suo terzo titolo.

Salta subito all’occhio il trattamento di argomenti molto simili: Attualità politica (Il Giornale su Grillo e PD, La Repubblica sulla Lega Nord ) e Sport (la vittoria della Juventus ripresa il 9 maggio La Stampa e il 14 maggio da La Repubblica): curioso come anche The Guardian abbia fatto uscire un suo short sul Chelsea in data 13 maggio.

Il quotidiano diretto da Ezio Mauro dopo il primo ebook di Curzio Maltese incentrato sullo scandalo della Lega Nord e dopo quello sulla Juventus, pubblica una raccolta di articoli già editi sull’antimafia: un buon esempio di come l’ebook possa rappresentare un buon contenitore per creare archivi storici e un buon modello per monetizzarlo.

Valutando queste ultime uscite però sembra che si tratti di esperimenti poco innovativi, nulla di nuovo in termini di novità tecnologica in rapporto ai modelli di giornalismo, né di linea editoriale, si predilige l’approccio all’approfondimento della notizia quasi in real-time, allo sfruttamento delle ricorrenze e degli anniversari.

Si denotano inoltre due aspetti troppo pressanti in questa operazione editoriale: le elezioni amministrative e il salone del libro il cui tema principale è stato per l’appunto la primavera digitale.

[Informant] Ebook e long-form journalism al salone del libro di Torino

Giovedì 10 maggio alle 17 interverrò per presentare Informant al pubblico di Book to The Future spazio dedicato al digitale all’interno del Salone del Libro.
Il convegno si intitola “ebook, giornalismo e long articles” e parteciperanno anche Jacopo Tondelli e Paolo Stefanini di Linkiesta.it.

Dopo il panel dedicato all’ebook giornalistico del Festival Internazionale di Giornalismo di Perugia, con questo nuovo evento inizia a delinearsi meglio una rosa di player che cercano di portare avanti questa tendenza sul nostro mercato: da quotidiani come La Stampa e Il Sole 24 Ore, a testate online come Linkiesta.it e Affaritaliani.it fino a editori nativi digitali come Quintadicopertina e noi, Informant, promessa dell’epub giornalistico. Vi aspetto!

Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: