Il mio intervento al Knowcamp #kc2011

Sabato 8 sono stato a Modena per seguire l’edizione 2011 del Knowcamp, evento sul sapere e il web, e per intervenire nel programma user panel con uno speech dedicato al rapporto tra editoria digitale, ebook e long-form journalism.

C’erano circa 50 persone in sala e sono riuscito a esporre la mia presentazione in 15 minuti passando dai nuovi modelli di giornalismo alla definizione di long-form journalism attraverso i parametri del genere giornalistico e della lunghezza fisica del testo, da una carrellata cronologica di buone pratiche fino a qualche considerazione sulla sostenibilità di questo modello di business e infine alla situazione italiana.

C’è stato tempo per due buone domande: una di Gianluca Diegoli, moderatore dell’user panel, sulla parcellizzazione dei contenuti e sulle risorse economiche necessarie per la creazione di approfondimenti e inchieste, l’altra di Pierluca Santoro, in sala, più generica sulle tempistiche per un ampiamento dell’offerta digitale anche su altri generi letterari.

L’intervento è stato accolto con curiosità soprattutto rispetto al mondo ebook più che al giornalismo, dandomi successivamente modo di scambiare idee con alcune persone interessate.

Wired ha riportato così:

Ebook, giornalismo ed editoria digitale, questi i temi dell’intervento di Massimo Colasurdo: “L’interazione crescente tra digitale e informazione ha dato vita a nuove forme di giornalismo. Le nuove realtà a cui ci riferiamo sono il Long-Form Journalism, approfondimenti giornalistici (reportage e inchieste) da leggere su dispositivi mobili, motori di ricerca di aggregazione per la condivisione di storie tramite twitter, tra cui Longreads e Longform, che permettono una ricerca approfondita in un archivio considerevole. Nel 2011 nascono inoltre i primi editori digitali che veicolano approfondimenti giornalistici e brevi storie. Tra questi The Atavist e Byliner”.

la Gazzetta di Modena:

Massimo Colasurdo ha affrontato il tema “ebook, giornalismo ed editoria digitale”, con accenni importanti a nuove realtà come il Long-Form Journalism, approfondimenti giornalistici (reportage e inchieste) da leggere su dispositivi mobili.

e alcuni tweet:

Purtroppo non è disponibile il video della mattinata, perché le riprese erano impegnate a seguire gli interventi del business panel, ci sono però le slide e molte foto.

Colgo l’occasione per ringraziare vivamente l’organizzazione dell’evento e i ragazzi di Saidmade e Moka.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Twitter

Facebook